Il fariseo e il pubblicano

 

La scorsa domenica abbiamo riflettuto sulla necessità di pregare sempre senza stancarci mai.

 

Ora meditiamo su come dovrà essere la nostra preghiera per risultare particolarmente gradita al Cuore di Gesù.

 

 Le letture di oggi ci insegnano che, prima di tutto,la nostra preghiera dovrà essere umile!

 

 

 

 

 

INSEGNAMENTO: Per essere ascoltati da Dio, la preghiera del pubblicano – «O Dio, abbi pietà di me peccatore» – deve diventare anche la nostra preghiera.

Purtroppo lo spirito farisaico è ancora oggi più vivo che mai. Tante volte ci si sente a posto, ci si ritiene dei buoni cristiani per il solo fatto di andare alla Messa di domenica e di fare un po’ di volontariato. Ma non ci si accorge, o meglio, non ci si vuole accorgere, dei molti peccati che gravano sulla nostra coscienza. Non si pensa che, agli occhi di Dio, buon cristiano è colui che riconosce le proprie colpe e le confessa con dolore. Senza questa umiltà nulla piace a Dio.

 

 

 

Notes

  • 7 giugno 2021

    Il centro Oasi è aperto per le iniziative e per lo sport!